Ulivo

IM000444.JPG

Arbulu te ulie

Tortu stratortu, chinu te nnuti, arbulu te ulie,

natu a mmenzu a sta terra russa, cent’anni prima te mie.

C’abbii na uce cu cunti, ieu te nchianava susu,

t’ia dumannare te lu sangu meu, te nonnuma carusu.

Ulia cu sacciu te quanti furisi t’ane spruatu sta fronza

e de d’annate vacanti quannu subisci la mmunda.

E ci putivi cantare la raggia te d’ommu ca faticava

te sole al sole cu biscia li frutti a manu a ci cumannava,

ma quanti ucceddi ane fattu lu nidu, quante storie d’amore

su nate sotta all’umbra toa quannu la gente scia ‘fore.

A mie me pare ca sentu le uci te tanti prima te mie…

Fujazza dopo fujazza quannu lu ientu te ncarizza,

fujazza dopo fujazza quannu lu ientu te ncarizza.

Ndane passate stagioni, ndane bruciate ramaje,

te ndave chioppata acqua susu te sotta ‘ste nuveje.

Quannu eri mazzareddha ci te nsistiu cu cura

e ieu ca ‘ncora nu sacciu ci si cascia ci si’ ojalura,

e ci cantava la gente, famme dde melodie,

te femmane ncuvate ca te cujine le ulie.

Arbulu te ulia t’anne cattatu t’anne vinnutu,

a ciunca ha faticatu te sempre hai  ‘mpartanutu.

Sattatu susu sta cima scopru tuttu lu feu,

ma ci te guardu tie sacciu ci suntu ieu.

A mie me pare ca sentu le uci te tanti prima te mie…

Fujazza dopo fujazza quannu lu ientu te ncarizza,

fujazza dopo fujazza quannu lu ientu te ncarizza.

Posted on 9 giugno 2013 in General, Musica

Share the Story

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top